Advertising

freepornvideoscaseros babe porno


Ciao, sono Emre, ho 27 anni. Sono un banchiere. Mia madre Semra ha 52 anni. Una donna bionda di media altezza con un corpo di pesce. Dal momento che mio padre è sempre in viaggio d’affari, combattono sempre. Saremmo soli con mia madre a Capodanno. Mio padre non c’era più. Anche mia madre era arrabbiata, ovviamente. Ho anche fatto scorta di alcol. Quando sono tornato a casa la sera, ho iniziato a bere lentamente dopo cena. Dal momento che anche mia madre era arrabbiata, non era difficile convincerla a bere. E ‘ iniziato alle 9, e lui non era in vena di parlare come 11 in punto. Da quando ho dato a mia madre il diritto nelle sue lotte con mio padre, non ho mai smesso. Aveva bisogno di schiarirsi le idee. Continuava a contare su mio padre mentre beveva. Mio figlio ha detto: “Vado in bagno, ora è difficile.

Certo, non riusciva ad alzarsi da solo. L’ho preso e gli ho preso il braccio. L’ho portato alla porta del bagno, ma non era in grado di sedersi sul water. L’ho messo dentro. Ti ho detto di farcela, mamma. Ha cercato di tirare giù il pigiama. Ha appena scaricato molto. Quando ha capito che non aveva paura di me, ho scaricato il resto. Sotto indossava mutandine di pizzo bianco. L’area che copriva la sua fica stava mostrando all’interno e la sua fica glabra era evidente. Il mio battito cardiaco è aumentato. Poi l’ho aiutato a sedersi sul water. Ha cercato di togliersi le mutandine e ha fallito. Afferrando entrambi i lati, l’ho delicatamente sbucciato fino alle ginocchia. Anche se non era proprio come lei era seduta, la sua figa era di fronte a me. Ha fatto la pipì. Ha preso la carta igienica e ha cercato di pulirsi la figa. Non poteva farlo neanche lui. Ho piegato la carta igienica e gliel’ho consegnata. Questa volta è stato in grado di cancellare un po’. Poi si alzò. Ha detto di portarlo a letto, figliolo. I suoi pigiami sono fuori i suoi piedi, Le sue mutandine è caduto dalle ginocchia alle caviglie. Indossava solo una maglietta. Non era dell’umore giusto per stare zitto.

Gli presi di nuovo il braccio e cominciai a condurlo nella sua stanza. Quando ho gettato la mano intorno alla sua vita alla schiena, il suo culo pieno è venuto nel mio palmo. Le ho afferrato il culo e l’ho portata a letto. Si gettò a faccia in giù sul letto. Le sue gambe erano divaricate e il suo culo e il suo culo erano proprio di fronte a me. Ho subito scattato una foto di quel bel culo. Il mio cazzo era come una pila. Stavo guardando da vicino. Ho puzzato di piscio, ma anche questo mi ha fatto eccitare. Lentamente gli afferrai di nuovo il culo. L’ho smontato ed esaminato ogni dettaglio. Non ho resistito e ho iniziato a leccargli il buco del culo con la lingua. Stavo cercando di fermarmi perché era mia madre, ma è stato un piacere incredibile leccare quel bel culo. Non c’è stata risposta da parte di mia madre. Ho anche capovolto.

L’ho incasinata come strisciando le gambe a parte. È stato un piacere molto più grande del piacere che ho avuto nella figa del mio collega di 25 anni una settimana fa. Forse sembrava così dolce perché era mia madre. Poi ho sentito mia madre sospirare ohhh. Alzò la testa e mi guardò. Abbiamo fatto un contatto visivo. Cosa stai facendo, disse Mehmet. Mehmet era il nome di mio padre. Pensava che mio padre gli avesse mentito. Ho detto che ti sto mangiando la figa. Stavo succhiando la fica di mia madre come un matto. Mi sono anche tolto i vestiti. L’ho baciato su di lui e mi sono alzato. Ho tirato su la maglietta e le ho leccato il seno a piacimento. Stavo correndo il mio cazzo sulla sua fica fradicia. Ho forzato la mia strada dentro la sua fica stretta. Stava bruciando dentro. I loro sospiri aumentarono. Stavo scopando mia madre duramente. Era così difficile che stava sprofondando nel letto.

Lei si lamentava come Mehmet, ma la bocca di suo figlio veniva lacerata. Sono entrato e uscito per circa 10 minuti e non riuscivo a sopportarlo ed eiaculato nella parte più profonda della sua fica. Eravamo entrambi coperti di sudore. Me ne sono andato. Ho scaricato di nuovo la tua maglietta. Ho afferrato i miei vestiti e sono andato rapidamente in salotto e mi sono seduto sul divano. Non c’era movimento. Deve essersi addormentato. Mi stavo preparando a dormire sul divano quando ho pensato che avevo eiaculato. Potrebbe scoprirlo domattina. Mi alzai e andai da lei con la carta igienica. Era sdraiato sulla schiena con le gambe divaricate mentre lo lasciavo. Ho asciugato la mia figa e sono tornato in salotto e ho dormito. Al mattino, mi sono svegliato per primo, ma ho aspettato mia madre. Mi chiedevo cosa fare. Mezz’ora dopo ho sentito la sua voce. Entrò nel soggiorno e guardò il disordine. Ha iniziato a raccogliere. “Alzati, dai, figliolo”, ha chiamato. Mi sono svegliato fingendo di svegliarmi.

Mia madre si comportava normalmente.* Ha detto puliamo e facciamo colazione. Era chiaro che non ricordava cosa fosse successo quella notte. Abbiamo preparato la casa e siamo andati a fare colazione. Mia madre ovviamente notò la mia timidezza. – Cosa c’è che non va, figliolo, sei un po ‘ tranquillo. – Niente, mamma, ho un po ‘ di mal di testa, credo di aver bevuto. – Ci siamo incasinati un po ‘ di notte, immagino tu mi abbia portato a letto. – Prima l’ho portato in bagno e poi a letto. – Non ricordo niente. Meno male che non l’ho fatto a me stesso. – Ho aiutato anche io in bagno, mamma, non ti ricordi davvero.- Mi hai tolto anche il pigiama?- Diciamo che ho aiutato.- Quando mi sono svegliato la mattina, non indossavo biancheria intima. L’hai tolto anche tu? – Diciamo che l’ho aiutato anch’io. – Capisco, e ‘ per questo che mi stai timidamente evitando.

– Ma mi hai chiesto di aiutarti, mamma, guarda.- Tu sei il mio unico figlio, puro figlio, mi vergognerò di te? Sei un tesoro. Beh, non essere timido, se hai aiutato un po ‘ tua madre ubriaca. Sono tua madre. Sarebbe meglio se lo facessi sul mio sedere e incasinato? Ho detto che hai ragione mamma, abbiamo riso. Ero sollevato. – È buono da bere, mi sono schiarito la testa. Mi sono svegliato al mattino molto rilassato e felice. Beviamo qualcosa stasera, va bene? – Certo, non ho lavoro domani nel fine settimana.- Ok, abbiamo un accordo. Mi chiedo cosa penserebbe mia madre se sapesse che suo figlio si è svegliato sollevato e felice perché ha preso il suo cazzo di 18 cm. Non ho perseverato fino alla sera. Mangiavo nocciole, miele, banane, qualsiasi cosa trovassi. Dopo cena, abbiamo apparecchiato la tavola e abbiamo iniziato a bere. Stavo versando un po ‘ di succo di frutta e un sacco di vodka nel suo bicchiere per farlo ubriacare subito. Si è ubriacato dopo il quinto bicchiere. Andiamo figliolo, porta tua madre in bagno

“Prendilo, ci sei già abituato”, ha detto. Ha riso. Le ho afferrato la vita e l’ho portata in bagno. Ha detto aiutami. Mi inginocchiai davanti a lui e gli tolsi il pigiama. Questa volta indossava mutandine rosse. Il mio cuore sembrava che stesse per esplodere di nuovo. Ho afferrato le mutandine per i lati e le ho tirate giù. La figa che ho leccato ieri era di nuovo davanti a me. L’ho aiutata a sedersi tenendole la vita. Ha finito il suo lavoro. Presi la carta igienica e la consegnai a mia madre, ma i suoi occhi erano chiusi. Mi sono chinata e ti ho asciugato la figa. Non reagì, i suoi occhi erano ancora chiusi. Poi l’ho preso e portato in camera da letto. Ha detto beviamo di più. Indossava solo un corpo strappy.

Mi sono seduto sulla sedia. Ti ho diviso le gambe. Gli ho dato un bicchiere di vodka secca. Non riusciva ad aprire gli occhi. Gli versò addosso la vodka. Tutto ad un tratto, saltò fuori dal suo posto. Presi il bicchiere dalla sua mano e lo rimisi sulla sedia. La mamma si è bagnata, ho detto togliamola così non ti ammali. Andiamo, ha detto. L’ho tirato fuori in un batter d’occhio. Non c’era niente su di esso ora. Era seduto nudo con la testa all’indietro e gli occhi chiusi, le gambe divaricate. Mi sono seduto sul pavimento di fronte alla sedia tra le mie gambe. Ho iniziato a balbettare. Alzò la testa e mi guardò. Ha detto che cosa stai facendo, sei ubriaco? Ci siamo ubriacati, entrambi abbiamo detto mamma, lasciati andare e siamo stati fottuti di nuovo. Stava dicendo qualcosa ma non capivo. Non ho risposto e ho continuato a succhiare.

L’unica spiegazione per la mia mamma di 52 anni di avere una fica così fresca e stretta era perché non avevano fatto sesso con mio padre da anni. Stavo per mangiare come ho mangiato. Non ne ho mai abbastanza. Mi alzai e posai mia madre sul divano. Mi tolsi i vestiti e mi misi tra le sue gambe. Le ho leccato il seno delle dimensioni di un melone. Alzò di nuovo la testa.- Come va, figliolo, sei per me?- Ho fame, madre, allatta tuo figlio.

– Succhialo se hai fame. Ho iniziato a leccare ancora più avidamente. Le stavo mordendo i capezzoli delle dimensioni dei ceci. Poi ho messo il mio cazzo nella sua figa e lentamente iniziato ad andare dentro e fuori. Mi piegai al suo orecchio.
– Avvolgi le gambe intorno alla mia vita, mamma. – Perche ‘ Emre? – Non cadere dal divano, mamma. Stringimi più forte e Metti le unghie anche sulla mia schiena. Ha avvolto le gambe intorno alla mia vita. Mi ha scavato le unghie nella schiena. Ho iniziato a scopare duro. Stavo arrivando alla radice. Cominciò a gemere.- Sonummmm-Mamma-Che succede-Stiamo abbracciando mamma. Ci stiamo abbracciando.

-Abbracciami-aaa Sono bloccato sul tuo
labbro. Non ha risposto in un primo momento, ma poi ha iniziato a baciare me troppo. Non potevo credere che la donna con le gambe strettamente legate sulla schiena, le unghie che mi stringevano nella schiena, mi succhiavano le labbra come un matto, e mentre stavo facendo tutto questo, che ero diventata un corpo e scopata velocemente come una macchina, fosse mia madre. Siamo andati avanti così per 15 minuti e mentre stavo cumming, ho avuto il miglior orgasmo che abbia mai avuto, lei. Non abbiamo smesso di baciarci dopo aver eiaculato.

– Portami in bagno. – Vieni mamma. L’ho detto e l’ho ripreso. Ha fatto la pipì. Siamo andati a letto. Le ho messo due cuscini sotto la pancia e l’ho appoggiata a faccia in giù. Tuttavia, lo poso in posizione verticale sul letto. Il suo buco del culo era quadrato come una zucca. Ho preso la crema per le mani dal comodino e l’ho sfregata liberamente in quel culo stretto. Ho dovuto alzare di nuovo il mio cazzo perché ho appena eiaculato. La testa di mia madre era sul lato del letto. Sono andata da quella parte.

Already have an account? Log In


Signup

Forgot Password

Log In